NEPAL

 

Incontrare gli occhi di questa gente, incastonati tra i bellissimi tratti di alcuni volti
è forse la meraviglia più grande:
sorridono, uniscono le mani e ti salutano:
«Namaste», «ossia mi inchino al divino che vedo in te»!